Come evitare i favoritismi

Come evitare i favoritismi

ON40SE0

È umano preferire la compagnia di alcuni colleghi piuttosto che di altri. Ma quando a farlo è il capo con i propri diretti riporti o con i collaboratori potrebbe essere poco saggio e ingiusto, soprattutto in caso di favoritismi. Qui di seguito qualche consiglio su come evitare di mostrare favoritismi.

Il primo consiglio, il più importante, è riconoscere il pericolo insito in questo tipo di comportamento. Si possono creare malumori all’interno della squadra ma il rischio più significativo è investire tutti gli sforzi di crescita su una persona (che comunque non è detto che resterà in azienda per sempre) a scapito delle altre. La psicologia sociale ci dice che spesso tendiamo a preferire chi ci somiglia con l’evidente rischio di non beneficiare del punto di vista di chi è diverso da noi.

Uno dei modi migliori per rendersi conto del nostro comportamento è tenere traccia delle scelte che prendiamo in termini di deleghe e riconoscimenti che diamo. Se grazie a un report di questo tipo ci rendessimo conto che sistematicamente concentriamo alcuni compiti su qualcuno e non su qualcun altro possiamo mettere in atto dei comportamenti maggiormente inclusivi.

Essere inclusivi, ovviamente, è lo step successivo. Quando ci sono dei nuovi progetti ed è stata definita la squadra che se ne occuperà può essere utile porsi la domanda “posso aggiungere altre posizioni, anche in ruoli minori? Posso beneficiare di altri contributi?”. Questo piccolo sforzo farà sentire le persone coinvolte e non genererà malumori.

Può essere utile in certi casi chiedere ai colleghi per avere una prospettiva esterna sul proprio comportamento. Il parere di un collega esterno alla propria divisione o dipartimento è terzo perché non coinvolto “nei giochi” e dunque più libero e sincero

Creare un clima dove le persone percepiscono un trattamento giusto ed equo contribuisce non solo al benessere delle persone ma aumenta e migliora anche la produttività. Dedicare attenzione a questo aspetto può fare la differenza.

 

Tratto da un articolo scritto da Rebecca Knight e pubblicato il 15/03/2017 sul blog dell’Harvard Business Review

I Vostri Commenti

Inserisci un commento

0
Il vostro commento sarà soggetto a revisione.
termini e condizioni.
  • No comments found

N.Verde Eulab Consulting

Blog's topics

Keep In Touch