PILE: RICICLO E RICARICA

pile

Le pile sono inquinanti per i metalli pesanti che contengono: piombo, cromo, cadmio, rame, zinco e – in particolare – il mercurio.

Anche se una pila contiene una quantità minima di mercurio, se sono gettate nell’ambiente il rischio di inquinamento per le acque è altissimo.

Infatti, una pila AA può contenere fino a un grammo di mercurio, quantità sufficiente per inquinare circa 1.000 litri di acqua.

È importantissimo assicurarsi che le pile non finiscano in discarica insieme ad altri rifiuti ma che siano raccolte in modo distinto e avviate a un trattamento di smaltimento specifico.

La raccolta differenziata delle pile richiede la necessità di disseminare il territorio di punti di raccolta dove le persone possano depositare le pile esauste.

Per questo motivo, Eulab Consulting si è dotata di un raccoglitore per le pile esauste, che in convenzione con l’AMA viene periodicamente svuotato, a disposizione del personale, dei clienti e degli allievi dei nostri corsi.

Invitiamo tutte le persone che entrano in contatto con Eulab Consulting a ricordare questa opportunità e a utilizzarci per smaltire le pile esauste.

Siamo convinti che riciclare non sia sufficiente. Dobbiamo soprattutto ridurre la produzione di rifiuti inquinanti.

In Eulab Consulting, per tutti i nostri collaboratori è vietato – dal 1 luglio 2014 - l’utilizzo di pile non ricaricabili.

Abbiamo messo a disposizione dei caricatori universali e sostituito tutte le pile tradizionali con pile NiMH (nichel-metallo idruro) ricaricabili e precaricate a energia solare.



N.Verde Eulab Consulting

Keep In Touch